PROFUMI TERAPEUTICI: GLI OLI ESSENZIALI

piante-aromaticheLe piante, questi meravigliosi esseri viventi, da sempre ci colpiscono per i loro colori, le forme, la capacità di sopravvivenza in ambienti estremi. Ve li ricordate per esempio i cespugli rotolanti nei deserti dei film western? Non sono innocui rami secchi arrotolati dal vento, ma uno dei generi botanici più studiati, il genere Salsola. cespugli-rotolanti
Quando queste piante si seccano, si trasformano nei tumbleweeds capaci di disperdere centinaia di migliaia di semi in grado di germogliare anche secoli dopo, quando le condizioni esterne saranno ottimali.
ginko-foglie
Le piante sono inaspettatamente capaci di commuoverci.
Il 6 agosto 1945 una bomba atomica, la prima, si abbatté sulla città di Hiroshima causando oltre 200.000 vittime civili e radendo al suolo tutto, compreso il tempio buddista di Hosen-ji che si trovava a poco più di un chilometro dall’epicentro. Nel giardino era presente un esemplare di Ginkgo Biloba, la specie arborea più antica del mondo, sopravvissuta anche all’ultima grande glaciazione.
L’evento eccezionale fu che, anni dopo l’esplosione, lo scheletro di quell’albero di ginkgo che era stato conservato come un monumento, cominciò sorprendentemente a germogliare, tanto che il tempio gli fu ricostruito attorno.
hosen-jiIl ginkgo quindi è capace di sopravvivere a condizioni massimamente estreme ed è anche una potente droga vegetale indicata come protettrice del sangue e del cervello, conosciuta dalla medicina cinese fin dal primo trattato a noi giunto, quello dell’Imperatore Shen Nung, il Pen’t Sao di circa 2800 anni a.C.
Ma le piante hanno anche un’altra caratteristica davvero unica: profumano. Se ci pensiamo bene infatti, niente altro profuma. Gli animali e l’uomo emanano odori, molto spesso tutt’altro che gradevoli. Soltanto le piante invece sono capaci di esalare odori piacevoli che l’uomo ha trasformato in veri e propri preparati capaci di espandere i loro effluvi nell’aria circostante: i profumi.  essenze

Questi deliziosi aromi che si sprigionano dai fiori e dalle foglie derivano da alcune molecole volatili di natura oleosa, definite appunto aromatiche, che noi conosciamo con il nome di oli essenziali. Come e perché siano prodotte dalle piante resta tutt’oggi un argomento molto dibattuto. Quello che sappiamo per certo è che l’uomo ha cominciato ad utilizzare gli oli essenziali a scopo terapeutico molto, ma davvero molto tempo fa. essenze profumate
Fin da un’antichità così remota da non essere più ricordata, si cominciò ad ottenerne profumi da usare in varie occasioni, poiché già era noto che essi hanno sulla nostra psiche una ben precisa influenza. Con un profumo preparato ad arte possiamo infatti superare timidezza, tristezza e favorire invece emozioni e stati d’animo positivi. Similmente alla musica, la sapiente mescolanza delle varie note può agire in armonia alla nostra psiche favorendo anche una guarigione interiore, ma se le varie essenze non si armonizzano con noi gli effetti favorevoli si possono trasformare in danni.olio-essenziale
Queste molecole e fluidi che trasportano i profumi non agiscono soltanto sul nostro olfatto ma anche sul nostro stato di salute. Infatti agli oli essenziali posseduti dalle piante si devono gran parte degli effetti curativi che sono capaci di fornirci, per esempio potenti capacità antisettiche. Molti medici se ne sono accorti ed hanno studiato a fondo queste particolari proprietà. Per esempio in Francia il prof. Cavel dimostrò negli anni ‘50 che meno di un millilitro di o.e. di timo è sufficiente a sterilizzare un litro di brodo contaminato da liquame fognario. Proprietà davvero notevoli che meritano la nostra attenzione, anche perché l’utilizzo di queste sostanze così potenti ed efficaci è delicato e non scevro da rischi.profumo-limone


Abbiamo pensato di dedicare un’intera giornata agli oli essenziali, domenica 5 febbraio, per conoscerli a fondo.  Seguendo il corso della storia, dopo una breve introduzione vedremo insieme i principi basilari dell’arte dei profumi e realizzeremo un profumo, imparando così come sia possibile ottenere un’essenza personalizzata. olio-aromatico
Nel pomeriggio invece vedremo le principali caratteristiche terapeutiche degli oli essenziali, i principali tipi, come estrarli dalle piante e come utilizzarli nella pratica quotidiana, in modo semplice e sicuro. Cominceremo infatti subito realizzando insieme alcuni preparati. L’appuntamento è quindi per domenica 5 febbraio, alle ore 10.15, alla sede dell’Associazione Archeosofica pistoiese, in piazza dello Spirito Santo n. 1. Per informazioni e iscrizioni: 0573 21414.

 

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...