IL MISTERO DELLE GRANDI PIRAMIDI

grandi piramidi

Le Grandi Piramidi della Piana di Giza, antiche almeno 6000 anni, sono e rimangono i monumenti più incredibili costruiti dall’uomo sull’intero pianeta. Simboli di un’epoca di splendore, in gran parte rimasta sconosciuta, queste immense strutture sono così imponenti da essere visibili fin dalla Luna.

La loro origine è così misteriosa che, sebbene la moderna egittologia sia nata in tempi piuttosto recenti, ovvero in epoca napoleonica, nel corso della storia molti si sono interessati a queste costruzioni ed hanno cercato in qualche modo di svelare gli immensi enigmi che le accompagnano. Quando furono costruite le Grandi Piramidi? Come è stato possibile realizzarle e, soprattutto, quale fu lo scopo dei costruttori? Perché gli antichi egizi si sforzarono di innalzare questi giganteschi colossi in mezzo ad un deserto? Volevano forse lasciare una imperitura testimonianza di un’epoca che fu, di una parte della storia dell’umanità ormai dimenticata e un messaggio per chi, nei tempi futuri, lo avrebbe saputo leggere?

Certo, i costruttori delle Piramidi probabilmente non erano uomini appartenenti ad una civiltà primitiva, ma un popolo estremamente evoluto come una serie di scoperte archeologiche avvenute negli anni ’50 (ad esempio la Tomba di Hemaka) hanno dimostrato.

grandi piramidi 6

Tra le tante testimonianze che ci hanno lasciato gli egizi a dimostrazione dell’incredibile livello di evoluzione raggiunto dalla loro civiltà in diversi campi del sapere umano, ci sono monumenti megalitici come gli obelischi. A proposito di questi, molte sono le teorie che si avvicendano attorno alla loro costruzione in quanto resta difficile trovare una spiegazione valida che colleghi un popolo, che al tempo della costruzione di questi monumenti dovrebbe essere stato all’età del rame e senza la ruota, all’estrazione, lavorazione e al trasporto di grandi pietre che vanno dalle 3 alle 70 tonnellate – come quelle della piramide di Cheope – oppure, ancora più straordinario, alle 1200 tonnellate dell’obelisco di Baalbek.

Questi incredibili numeri aprono la porta alle più fantasiose teorie, da coloro che mettono in campo i soliti extraterrestri, e le loro avanzatissime tecnologie, a chi con più scetticismo ritiene la civiltà egizia capacissima di lavorare e spostare oggetti megalitici. Vale la pena considerare uno studio più approfondito su questa tematica non escludendo nessuna ipotesi. Recentemente la Scuola Archeosofica ha ricevuto la pubblicazione degli ultimi studi compiuti da Alessandro Benassai, titolo del testo: INDAGINI SULLE GRANDI PIRAMIDI. A partire dal 26 settembre, proponiamo un ciclo di incontri proprio per parlare insieme dei risultati di questo studio recente. Quindi ci vedremo ogni lunedì sera, alle 21.30 (ingresso libero e gratuito) con tutti coloro che sono appassionati di misteri e antiche civiltà. E di astronomia. E di musica. E di geometria. E … altro ancora.

grandi piramidi 10

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...