CURARSI CON LE PIANTE MEDICINALI : LA GENZIANA

gentiana luteaQuesta pianta erbacea perenne fiorisce da luglio ad agosto, ma è in primavera che se ne consiglia la raccolta. Si usa infatti la radice, che si può estrarre dal terreno anche in autunno quando ha perduto le foglie, oppure prima della fioritura, in marzo-aprile. La radice di Genziana si può trovare anche in commercio già pronta, tagliata  rondelle o listarelle. Deve avere il suo caratteristico e forte odore aromatico, altrimenti vuol dire che è vecchia e non serve più. Al primo assaggio ha un sapore dolciastro, ma poi diventa amara. Bisogna fare attenzione nella conservazione della radice di Genziana perché è igroscopica, cioè assorbe l’umidità e quindi va tenuta in vasi di vetro ermeticamente chiusi. Si adopera ben secca, non fresca, poiché la radice fresca contiene una essenza assai volatile che può provocare nausea e vomito, a volte stordimento, sonnolenza, una sorta di ubriachezza malinconica. Questi sintomi se dovessero comparire, ci segnalano di interrompere immediatamente la somministrazione della Genziana perché la radice non è come dovrebbe essere.

Il suo nome deriva da un re della Illiria, Gentius (Genzio) che secondo Dioscoride ne fu lo scopritore. Gentiana Lutea

Ha una corrispondenza astrologica con i Segni Cancro, Leone, e Vergine, e con i Pianeti Marte e Giove. La Genziana ha tantissime applicazioni. La sua azione farmacodinamica è carminativa, diuretica, emocatartica, vermifuga, analettica, antianemica, eupeptica, tonica… Si adopera nei casi di digestione difficile, anoressia, clorosi, dispepsia, febbre epatica e altre malattie del fegato, combatte perfino la tosse persistente.

Si può usare la polvere di radice secca, fare un aceto, una macerazione in acqua o vino freddi, oppure una tintura. Lo sciroppo di Genziana può essere utile per combattere la stanchezza dovuta a lunghi viaggi e negli svenimenti. Ottimo è il vino di Genziana, che si prepara con alcool a 60°; eccellente aperitivo e digestivo, preso a bicchierini prima o dopo il pasto a seconda della necessità.

digestivo alla genziana

L’Associazione Archeosofica di Piazza dello Spirito Santo,1 a Pistoia,  organizza in primavera un Corso di Erboristeria, di mercoledì (ore 21.30) a partire dal 4 Marzo. Durante le lezioni saranno illustrati i benefici di altre piante, oltre alla Genziana, come l’Aloe, il Lino, la Cicoria Selvatica, tanto per fare dei nomi. L’allestimento di un semplice laboratorio permetterà agli allievi di realizzare  personalmente i vari preparati. Il Corso non ha un costo ma prevede la quota di iscrizione. Alla fine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Per informazioni e prenotazioni: 0573 21414 – la segreteria è aperta tutti i giorni in orario d’ufficio, oppure la sera dopo cena di lunedì, mercoledì, giovedì.

corso erboristeria

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...